La testimonianza di Virginia

Un anno di missione mi ha dato tanto.
Sono tornata a casa e mi sono resa conto che in Albania ho imparato a sapere.
Non tanto perchè conosco parole difficili o ASTRUSE tipo “ODEPORICO”, “PRECONIZZARE”, “ALGIDO” o “PROCRASTINARE”. Non serve conoscere paroloni per essere missionari.
Dicevo, in Albania ho imparato a sapere, ovvero ad avere sapore. È la prima cosa che noti in un altro Paese: ci sono sapori e odori a cui non eri abituato. Cambia persino l’odore dell’aria!
La prima volta in una casa albanese, per esempio, ero nauseata dall’odore della stufa, un aroma che poi mi ha accompagnato costantemente fino alla fine e a cui mi sono abituata.
Ma agli inizi è faticoso sopportare il cambiamento: la missione è un mondo così diverso dal tuo che il primo impatto è veramente difficile da digerire.
Ma dalle difficoltà iniziali puoi o rifiutare tutto oppure avvicinarti ogni giorno un po’ di più, assaggiandone la cultura, gli usi, facendo famiglia coi più poveri e lasciandoti guidare dalle persone.

Ed è stato mettendo da parte il mio orgoglio da supereroe occidentale che ho potuto gustare e rimanere estasiata dai tanti e contrastanti sapori dell’Albania.
La dolcezza delle donne, così premurose e accoglienti combinata con l’asprezza della vita famigliare che conducono; la pienezza della vita comunitaria; l’amarezza di una società così corrotta combinata con il gusto semplice dei bambini e dei ragazzi; e soprattutto la delicatezza della Provvidenza.
Ogni giorno bisognava radicarsi sempre di più in questi gusti, in questi sapori, in questi odori per poter avvicinarsi di più alle persone. È stato uno sforzo continuo che non sarei mai riuscita a fare senza il sostegno della comunità.

Assaporare e prendere il gusto del popolo albanese è quello che don Gigi Guglielmi definiva: “incarnarsi”, un verbo che come lui augurava nel ’95 ai partenti per l’Albania, si è nuovamente realizzato quest’anno.
“Non è su di loro che dovete intervenire per cambiare la loro vita, ma su voi stessi per cambiare la vostra”, diceva don Gigi: questa è stata la base di tante relazioni vere che ho instaurato in Albania, senza l’obiettivo di modificare l’altro, ma rimodellando me stessa per accoglierlo.

Questo spogliarsi e prendere il gusto della cultura albanese mi ha reso veramente una DONNA LIBERA, tanto che adesso nella fase del ritorno non resto con l’amaro in bocca, ma anzi sono profondamente grata di aver gustato e visto la bellezza del donarsi all’altro.

buttonbutton