Giugno in-ballata

C’era una volta una piccola comunità di missionari
un parroco e 3 fanciulle, tutti volontari.
In Albania decisero di mettersi a servizio
Per non perdersi nell’ozio, un brutto vizio.

Dopo sei mesi davvero emozionanti,
anche a giugno gli eventi sono tanti!
Ma partiamo con calma, andiamo in fila
se vogliamo arrivare alla fine della rima.

Sebbene i quattro abitino stabilmente a Gomsiqe,
spesso hanno pronte in macchina le valigie.
Non di vestiti, ma piene di tanti bei libri
che offrono nei villaggi a tutti i bimbi.

Anche a Vau-Dejes la biblioteca ha viaggiato
e diversi ragazzi al sabato ha avvicinato.
Ma vuoi il caldo e diversi altri fattori,
è andata in ferie, ma è rimasta nei cuori!

Celebrazioni ne hanno avute un quintale:
cresime, comunioni e un annuncio episcopale!
Tanti cari auguri a Don Simon, ormai Monsignore
e a Suor Denada, eternamente consacrata al Signore.

Di attività ne sono pieni a sufficienza,
ma per quei quattro non è mai abbastanza:
siam sicuri che non han perso tempo
facendo il campo coi gabel, i figli del vento.

La comunità di Gomsiqe non è mai sola:
gente che bussa, le donne, Gjon Kola.
E anche se le Dile non bussano più,
stan beate e serene lì a Barbollush.

Vuoi un po’ di pace, vuoi tranquillità?
Probabilmente la trovi se vai in vacanza a Berat.
Là hanno incontrato comunità accoglienti,
con cui hanno passato tanti bei momenti.

E pur di reincontrare le loro adorate figlie
hanno viaggiato pure le famiglie;
chi aggiustava e chi cucinava con amore,
grazie a loro Gomsiqe è tornata uno splendore.

Di Gomsiqe se ne parla così tanto
che in molti voglion venire a fare un salto:
con due famiglie di Modena e di Villa Aiola,
la piccola comunità si è sentita meno sola.

Sicuramente Sant’Antonio li ha aiutati,
a farli sentire sempre più amati.
Il santo Protettore, che dei poveri è il difensore,
Li aiuti ogni giorno ad avere più cuore.

Più cuore per chiunque voglia passare,
o anche solo per chi li voglia incontrare.
E grazie anche voi che fino a qui avete letto,
Vuol dire che per noi almeno un po’ provate affetto.

 

Don Stefano, Fede, Franci, Virgi.

 

buttonbutton